You are here
Artkitchen.it » Padelle » Padelle in ferro: Prezzi e opinioni

Padelle in ferro: Prezzi e opinioni

padelle in ferro prezzi e opinioni

In questo articolo si forniranno utili informazioni su prodotti particolarmente utilizzati in cucina: le padelle in ferro. In particolare, saranno rese note le loro caratteristiche di struttura e durata nonchè i consigli per evitare la formazione di graffi e rigature, i benefici che si hanno acquistando un prodotto del genere in particolar modo nella qualità del cucinato, i prezzi e il confronto delle principali marche presenti sul mercato e infine le opinioni di chi ha acquistato il prodotto sottolineando i pregi e i difetti riscontrati.

Padelle in ferro: Prezzi

Qui di seguito riportati alcuni dei prodotti di diametro 28cm:

Kärcher Kopf Iron Set di Padelle in Ferro battuto, 2 Pezzi € 32,99; De Buyer DB5610-28 Mineral B Element Padella in Ferro, € 39,54; Pentole Agnelli COFE3006PT28 Lionese Padella Pesante in Ferro, € 36,01; Pentole Agnelli COFE3006T28 Padella Lionese Leggera in Ferro, € 19,90.

Padelle in ferro: Caratteristiche

La padella di ferro è stata ultimamente riscoperta poiché non rilascia sostanze tossiche durante la cottura ed è ottimale per fritti e rosolature. La sua caratteristica principale è quella di favorire la trasformazione di zuccheri contenuti nel cibo in caramello che si forma a circa 140°. Il sapore particolare di cibi arrostiti è conseguenza di questo processo. La padella di ferro, invece, non è adatta per cucinare cibi umidi ed inoltre si deve evitare l’utilizzo di ingredienti acidi come il succo di limone e aceto.

Solitamente, si utilizzano padelle con fondo spesso in modo che la termoregolazione sia ottimale. Particolare cura deve essere fatta nelle fasi di pulizia per evitare che si formino graffi e alterare così la cottura e la qualità del cibo. Alcuni sostengono che non bisogna lavare, passare il sale e poi olio bollente. Altri ancora, dicono di lavare con acqua bollente, cuocere patate, asciugare e conservare.

Padelle in ferro: Benefici

In questa sezione verranno presi in esame i pro e contro del loro utilizzo:

Pro:il ferro è dotato di scarsa conducibilità termica. Per questo motivo in cucina viene utilizzato soltanto per alcune preparazioni, come quella della carne o dei fritti. Dunque si consiglia il suo impiego per tutte quelle preparazioni che richiedono il raggiungimento di temperature elevate. Le padelle in ferro hanno il vantaggio di essere naturalmente antiaderenti e conservare bene il calore.

Contro: è fortemente sconsigliato lavare qualsiasi utensile in ferro in lavastoviglie, poiché questo materiale tende ad ossidarsi facilmente a contatto con l’acqua e può arrugginirsi. Dopo il lavaggio a mano, è necessario asciugare subito con un panno asciutto e cospargere la superficie con un sottile strato d’olio. E’ sconsigliato utilizzare pagliette in acciaio per la loro pulizia poichè si corre il rischio di graffiarle.

Padelle in ferro: le opinioni di chi le usa

Le recensioni per queste tipologie di prodotto sono quasi tutte positive, in particolare, infatti quasi tutte meriterebbe 5 stelle per peso, solidità ed efficienza. Il fondo zigrinato, nel caso della prima, a rombi limita alcune possibili cotture (esempio, saltare una pasta forse non è proprio la sua funzione), ma ne favorisce altre alla griglia, la frittura, la rosolatura. A fronte dell’elevata temperatura raggiungibile, occorre un minimo di attenzione dopo la cottura perché rimangono veramente “hot” per un bel pò !! Se si considera che hanno anche 2,5 mm di spessore, il rapporto qualità/prezzo è uno dei più vantaggiosi del web.

Dopo quasi un anno di utilizzo si possono assegnare 5 stelle. La manutenzione all’inizio sembrava abbastanza particolare (piuttosto insolita per chi non è abituato). È una padella che da il meglio di se quando viene usata spesso, probabilmente peggiora se non utilizzata per lunghi periodi, bisogna comunque averne cura e ungerla di tanto in tanto. Una volta annerita per bene (ci vorrà un pó) avrà un ottimo livello di antiaderenza, non paragonabile al teflon ovviamente, che permette comunque di cucinare con pochissimi grassi.

Da il meglio di sè nel grigliare, friggere, tostare, rosolare. Ma in ogni caso è adatta alla maggior parte degli utilizzi. DeBuyer e Agnelli sono una garanzia. Altri commenti sono stati parzialmente negativi in merito alla pulizia poiché, con gli utilizzi successivi, i cibi hanno cominciato ad attaccarsi, quando invece con l’uso dovrebbe migliorare.

Lascia un commento

Top