migliori affilacoltelli

Miglior affilacoltelli – Classifica 2017

Il miglior affilacoltelli è uno strumento indispensabile per la cucina. Tutti i coltelli, con il passare del tempo, tendono a consumarsi e risultano meno affilati rispetto al momento dell’acquisto e per tagliare sarà necessaria una pressione maggiore. Anche il coltello migliore con il tempo perderà il suo filo e che l’efficacia di ogni coltello va di pari passo con affilature periodiche che ridia alla lama del coltello la sua capacità tagliente. Il mercato offre strumenti per affilare i coltelli dalle dimensioni e dalle forme diverse.

Allora come scegliere il miglior affilacoltelli?

Cos’è l’affilatura?

Gli arrotini che giravano per le case con le loro bici e le loro molle sono oramai rarissimi e l’affilatura presso persone che effettuano questo lavoro in maniera artigianale non è molto comodo e a volte nemmeno conveniente. Come già detto, l’affilatura è un’operazione che andrà fatta regolarmente. L’affinatura avviene tramite lo sfregamento della lama su una superficie ruvida ed ha come scopo quello di posizionare tagliente e filo nel modo giusto a garantire che il coltello tagli con decisione e precisione.

Strumenti di affilatura

Riaffilare la lama di un coltello è un’operazione che può essere effettuata in maniera manuale o tramite appositi macchinari elettrici. Il miglior affilacoltelli è quello che più si adatta alle proprie capacità, al proprio tempo e alla propria esperienza. L’affilatura manuale avviene principalmente tramite pietra abrasiva, una pietra dura e ruvida contro la quale si strofina la lama del coltello. Questa operazione manuale necessita di pazienza, esperienza e passione. I modelli elettrici sono, invece, più rapidi e utilizzabili con estrema facilità anche dai principianti e da chi ha poca esperienza con le lame.

I modelli più venduti

OffertaPiù venduti - Posizione n. 2
OffertaPiù venduti - Posizione n. 3

La pietra abrasiva

Il più efficace affilacoltelli manuale è sicuramente la pietra abrasiva. In commercio ne esistono di diverso tipo con una grana fine (1000 grit) o con una grana più grossa (100 grit) che andrà scelta il base al grado di danneggiamento della lama (un coltello molto danneggiato andrà affilato con una pietra dalla grana grossa mentre con i coltelli affilati periodicamente e quindi non particolarmente usurati può bastare una grana piccola o normale). Queste pietre sono composte da ossido di alluminio o da carburo di silicio e possono essere acquistate presso qualsiasi ferramenta; sceglietene una di dimensioni abbastanza grandi con almeno 20 centimetri di lunghezza e 5 di altezza così da rendere i movimenti più agevoli. Evitate le pietre diamantate che sono più costose e più difficili da utilizzare anche se più efficaci.

Come usare la pietra abrasiva

Prima di utilizzare la pietra per affilare la lama del nostro coltello, sarà necessario tenerla in acqua per 10 o 15 minuti. È importante che la pietra resti bagnata anche durante l’operazione di affilatura quindi di tanto in tanto versateci sopra qualche goccia d’acqua. Dopo aver poggiato la pietra su un piano solido e fermo, poggiamoci il coltello tenendolo inclinato. l’inclinatura è il segreto del successo dell’affilatura tramite pietra abrasiva: per i coltelli da cucina l’angolatura sarà di 15 o 20 gradi. È importante mantenere la stessa angolatura e muovere la lama avanti e indietro, da una parte e dall’atra. Alla fine del lavoro, controllate che la lama non presenti smussature o rivetti e che il coltello tagli in modo preciso.

L’acciaino

Molti sono convinti che l’acciaino svolga la stessa funzione della pietra abrasiva. Questo strumento, in realtà, non affila i coltelli ma corregge l’affilatura e aiuta a mantenerla. Può essere utilizzato ogni volta che si usa un coltello così da renderne la lama più performante ma questo non può essere considerata un’operazione alternativa alla pietra abrasiva. Gli acciaini sono molto utilizzati da macellai e salumieri e sono delle lunghe aste in acciaio molto duro e dal profilo zigrinato (al contatto risulta molto ruvido).

Gli affilacoltelli manuali

Oltre alla pietra abrasiva, esistono dei modelli manuali utilizzati per lo più da professionisti e appassionati in quanto richiedono maestria e pazienza.  Questi strumenti manuali prevedono tre fasi: la prima opera una specie di pulizia della lama eliminando lo strato più usurato. La seconda fase è la fase della levigatura che va effettuata da entrambi i lati e poi, infine, la terza fase di rifinitura che rende la lama affilata e lucente. Non tutti i coltelli si usurano allo stesso modo e in alcuni casi la prima fase può essere saltata. Per questo, nel caso delle variante  manuale, sceglietene uno che vi permetta di scegliere la fase dalla quale iniziare. La lama sarà perfettamente affilata quando si formerà il truciolo di bava sullo spigolo della lama che sarà facilmente avvertibile passando il dito sul lato della lama. Un’affilatura perfetta è quella che lascia la lama opaca, non lucente, e perfettamente liscia.

Gli affilacoltelli elettrici

Gli affilacoltelli elettrici o automatici sono quelli maggiormente utilizzati sia da chef che in ambito domestico. Sono lo strumento più veloce e comodo per affilare i coltelli, garantiscono la stessa precisione di un modello manuali. Diversi modelli hanno diversi elementi: esistono affilacoltelli con dischi o piastre, altri con mole, altri adatti alle lame seghettate o alle forbici. Il prezzo varia a seconda della presenza o meno di questi elementi e dai materiali utilizzati per la loro realizzazione.

Utilizzare i modelli automatici è molto semplice: basta posizionare la lama lungo le guide in prossimità dei vari ingressi e azionare il procedimento che dura pochissimi minuti. A variare sono anche le dimensioni: possiamo scegliere tra modelli di dimensioni più considerevoli e che possiamo tenere in cucina vicino ad altri elettrodomestici oppure sceglierli di grandezza molto ridotte che possono essere facilmente trasportabili o addirittura tascabili. L’angolatura necessaria per garantire la migliore affilatura è garantita dalla guida che permette di mantenere costante l’angolo durante lo sfregamento.

Dunque, come scegliere un affilacoltelli? Se siete appassionati, esperti e molto pazienti, potrete utilizzare la pietra abrasiva o affilarlo manualmente. Con gli affilatori automatici, anche chi non è particolarmente esperto può ottenere risultati eccellenti in poco tempo e senza il rischio di ferirsi. Sono molto apprezzati anche dagli chef che utilizzano molto i coltelli e quindi ripetono con una certa frequenza l’operazione di affilatura della lama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *